Migliore (Pezzo Unico) Vacheron Constantin Les Cabinotiers Celestia Astronomical Grand Complication 3600 In vendita Fake Watches

26 Gennaio 2018

orologio Celestia Astronomical Grand Complication 3600Save

Quando in orologeria trovi scritto da qualche parte “Grand Complication” già sai che qualcuno l’ha fatta davvero grossa; forse uno tra gli orologi top, se non il miglior orologio del SIHH 2017 è il Vacheron Constantin Les Cabinotiers Celestia Astronomical Grand Complication 3600. Prima di iniziare a scoprire di che si tratta mettiamo subito in chiaro che può appellarsi Grand Complication o Grande Complication solo un segnatempo cui movimento meccanico sia in grado di avere a bordo almeno tre complicazioni di questo tipo:

  • La prima deve fornire una funzione astronomica come il calendario perpetuo
  • La seconda Una funzione sonora come la ripetizione minuti
  • La terza un’indicazione supplementare del tempo come il cronografo o il tourbillon

Bene, quella che forse rimarrà la novità Vacheron Constantin 2017 più complicata, eseguita dal reparto speciale della Maison denominato Les Cabinotiers in onore a come venivano chiamati gli artigiani orologiai ginevrini che nel XIX secolo lavoravano nei luminosi sottotetto (Cabinotes) della città, supera di parecchio i requisiti minimi di un Grande Complication

  • In Profondità: Vacheron Constantin Maitre Cabinotier Astronomica

In sintesi qui parliamo di:

  • Un pezzo unico realizzato in 5 anni da un unico maestro orologiaio
  • Grande Complicazione astronomica
  • Un totale di 23 complicazioni
  • Lo abbiamo incontrato nella boutique Pisa di Milano dove Vacheron Constantin ha presentato alcuni modelli ispirati al mondo dell’astronomia.Tra il fascino dei Mestieri d’Arte, la passione per l’artigiano e l’amore per la creatività, Christian Selmoni ci ha condotto per mano alla scoperta di una Maison che come un antico vascello naviga lungo il mare del tempo verso il futuro dell’orologeria.La sua storia con Vacheron Constantin inizia nel 1990. Ma la passione per la meccanica del tempo fa parte del suo DNA, ereditata dal nonno, orologiaio nella Vallée de Joux in Svizzera. Quali sono i valori che le ha trasmesso la sua famiglia e che ancora oggi fanno parte del suo quotidiano?Mio nonno è stato un grande orologiaio e mi ha trasmesso il rispetto per la meccanica del tempo e per le sue complicazioni. Da bambino, tra i cinque ed i sei anni, trascorrevo il pomeriggio con lui, osservandolo lavorare e crescendo ho sempre continuato ad associare all’orologeria quei valori positivi che mi avevano insegnato nell’infanzia.Mio nonno e suo fratello erano i classici orologiai “vecchio stile” cioè veri appassionati e conoscitori della matematica e dell’astronomia. I nostri pranzi in famiglia erano un ritrovo per conversare di cultura.Quali sono stati i momenti più importanti della sua carriera nel gruppo Richemont, lavorando con Vacheron Constantin?

  • Tourbillon con riserva di carica di tre settimane

Nella mostra il primo personalizzato, che risale al 1908, è un orologio da tasca in oro rosa e quadrante in smalto bianco con alcune delle complicazioni più importanti della storia dell’orologeria: ripetizione minuti e grande suoneria. Il fondello è ornato da uno stemma araldico in smalto policromo. Il secondo è un cronografo da polso datato 1941 in oro giallo e quadrante argentato personalizzato Hausmann & Co. con numeri arabi e indici a bastone in oro giallo, contatore a ore 3 e piccoli secondi a ore 9, minuteria esterna e tachimetro con base a 1000. Accanto a queste due splendide testimonianze firmate Hausmann & Co., una quarantina di capolavori di ogni epoca che rappresentano l’espressione della qualità sempre innovativa delle creazioni della Maison ginevrina. Tra tutte, una rara emozione per gli appassionati di Alta Orologeria: il primo orologio da tasca costruito nel 1755 dal fondatore della Manifattura, Jean-Marc Vacheron, di cui reca la firma J: M: VACHERON A GENEVE.Riferimenti all’Italia e al rapporto privilegiato con il nostro Paese si trovano in diversi capolavori, come un meraviglioso orologio da tasca del 1844 recante il Colosseo inciso in cavo sul fondello in oro o come l’orologio da tasca del 1824 in oro giallo, quadrante in argento con la cassa decorata a smalto champlevé blu raffigurante una cartina dell’Italia di quei tempi. Per il resto, accompagna il visitatore attraverso le epoche del gusto e delle innovazioni tecnologiche, dalle affascinanti forme Art Nouveau e Art Déco, ai diversi materiali, dalle complicazioni dell’orologeria alle lavorazioni decorative di grande pregio.

Les Cabinotiers Celestia Astronomical Grand Complication 3600Save

Tra poco scopriremo l’orologio da polso più complicato costruito da Vacheron Constantin dopo che nel 2015 per il 260° anniversario la manifattura presentò il 57260 un gigantesco orologio da tasca che con le sue 57 complicazioni è in assoluto e al momento l’orologio meccanico più complicato al mondo.

La storia della Vacheron & Constantin è una storia a parte.Infatti la Maison gode di una delle storie più antiche nel campo dell’orologieria, e che può essere raccontata da una sola famiglia.La Vacheron Constantin nasce infatti nel 1775 a Ginevra, nel quartiere di Saint-Gervais, per mano del maestro orologiaio Jean-Marc Vacheron.Nel 1910, il nipote Jaques-Bartelemy, eredita l’azienda, espandendo l’attività oltre confine.Nel 1819, Vacheron decise che era ora di affiancarsi qualcuno ce si occupASSE della parte commerciale della sua azienda.Entrò così nella società Francois Constantin.Nasce così la Vacheron & Constantin, che avrà come motto “fare meglio, se possibile. Ed è sempre possibile!”.Georges-Auguste Leschot entra a far parte del team Vacheron & Constantin, quando la rivoluzione tecnica è in pieno fermento.Leschot è pioniere nella produzione di serie.Infatti riesce ad adattare un pantografo nella produzione di elementi, riuscendo a produrre più pezzi copiando un originale.Prima d’ora invece, i pezzi andavano fabbricati a mano uno alla volta.

  • L’Orologio più Complicato al Mondo è ora un Vacheron Constantin

Le ventitre funzioni che restituisce il Celestia Astronomical Grand Complication 3600 sono comunque ottenute con soli 514 elementi. Magia del suo Calibro e della differenza più che tangibile che è in grado di fare un movimento con complicazioni integrate, compattezza che si rilette anche sul suo spessore di soli 8,7 mm e nonostante a bordo ci siano ben sei bariletti di carica.

movimento Vacheron Constantin 3600Save movimento manifattura Vacheron Constantin 3600Save

Vacheron Constantin Les Cabinotiers Celestia Astronomical Grand Complication 3600

Quest’anno Vacheron Constantin presenta quattro novità che arricchiscono la collezione Malte: un modello da uomo in oro bianco e tre nuove referenze meccaniche dedicate alle donne dalla caratteristiche forma tonneau. Tutte le referenze sono certificate con il Punzone di Ginevra.Secondo la sua esperienza, quando un orologio rappresenta il perfetto equilibrio tra tradizione e innovazione ?Tutto ciò riguarda la relazione tra passato e presente. Occorre trovare un punto di incontro, che per Vacheron Constantin è una questione di riflessione. Mi spiego: dobbiamo capire che la nostra marca è un benchmark per l’orologeria classica. Poi, dopo averlo accettato, dobbiamo cercare un buon equilibrio nelle proporzioni del prodotto, nel suo design, nelle misure e nell’affidabilità.Una buona definizione potrebbe essere: la contemporanea espressione dell’orologeria classica. Oggi indosso il modello Patrimony Fasi Lunari e Calendario Retrogrado. È un orologio abbastanza grande, con un design classico, ma i caratteri sono contemporanei. Quindi è un buon esempio di armonia tra modernità e tradizione, tra presente e passato. In questo modo tra 10 -15 anni quest’orologio sarà ancora indossabile; è un aspetto importante perché non c’è niente di peggio di un oggetto che ad un certo punto diventa immettibile.

Le cime estreme dell’Alta Orologeria sono da sempre rappresentate dalle complicazioni astronomiche, e la manifattura de l’Île de Genéve si è sempre distinta per come e quante volte le ha interpretate.

Tra la fine del XIX secolo e i primi del ‘900 Vacheron Constantin realizzava con disinvoltura orologi da tasca con calendario perpetuo, fasi lunari, tempo siderale e l’equazione del tempo. Passando gli anni queste complicazioni sono trasmigrate negli orologi da polso. Per quanto non sia più da tempo l’orologio da polso più complicato, il Tour de l’Île del 2005 è un segnatempo spettacolare.

Ti potrebbe interessare leggere – Tour de l’Ile: ma come sei complicato

Qui i 45 mm. della cassa in oro bianco sono giustificati dal Calibro di manifattura 3600 che misura ben 36 mm. Mettilo in una cassa bombata, prevedi due quadranti altrimenti non riusciresti a leggere più di sette o otto complicazioni, e anche le sue dimensioni XXL per un oggetto che più che un orologio sembra un’astronave, diventano umane.

Celestia Astronomical Grand Complication 3600Save

Pezzo unico Ref. 9720C/000G-B281 Les Cabinotiers Celestia Astronomical Grand Complication 3600

Ricordo che non è un segnatempo ma un Grand Complication. Il quadrante ardesia, tonalità molto amata dalla Maison, con indici applicati e lancette in oro è una delizia. Ma è come sono rappresentate le sue ben 23 complicazioni che davvero stupisce. Intanto eccole elencate per funzioni ottenute:

Qual è l’emozione che il marchio desidera trasmettere al pubblico?Nell’antichità le stelle sono state la base per la misurazione del tempo. Solo successivamente gli orologiai ed i matematici hanno indirizzato i loro studi verso uno strumento di precisione vero e proprio. Se nel XVIII secolo, in epoca illuminista, Altide Janvier realizzava invenzioni geniali grazie allo studio dei corpi celesti, (complessi planetari e grandi orologi da edificio), ricollegarsi all’astronomia ed instillare il suo fascino nelle proporzioni minute di un orologio, è una sfida avvincente. Significa esprimere quanto l’industria orologiera si sia evoluta restando fedele alla cultura, alla scienza e alla storia da cui l’essere umano proviene.Vacheron Constantin – Traditionnelle Fasi Lunari con riserva di carica Petit Modèle – il modello rappresenta una delicata interpretazione di una complicazione orologiera tutta al femminile. Il quadrante in madreperla è in perfetta armonia con le curve della cassa tonda di 36 mm e con la luce degli 81 diamanti della lunetta. Il cuore, il calibro 1410 a carica manuale interamente progettato e fabbricato in house, rivela la complicazione delle fasi lunari. Il suo sofisticato meccanismo, detto “luna astronomica”, richiede una correzione di un giorno ogni centoventidue anni.Parlando dell’universo femminile quali saranno le proposte per il futuro in tema orologeria?

  • ore e minuti
  • calendario perpetuo
  • indicazione giorno/notte
  • fasi lunari
  • età della luna
  • equazione del tempo mobile
  • Louis Ferla ha iniziato la sua carriera nell’ambito del gruppo Richemont nel 2001, per Alfred Dunhill in qualità di Area Sales Manager a Hong Kong e, successivamente, di General Manager a Taiwan. Nel 2006 è entrato in Cartier International come General Manager a Taiwan e ha poi acquisito la responsabilità di Regional Director di Medio Oriente e India. In seguito, è diventato CEO per la Cina. Nel 2015 ha assunto il ruolo di International Business & Client Development Director di Cartier International, prima di entrare in Vacheron Constantin.Fondata a Ginevra nel 1755, la Maison Vacheron Constantin è la più antica manifattura orologiera al mondo. Oltre alla sede e manifattura di Plan-les-Ouates, a Ginevra, ha una unità di produzione di componenti orologieri nella Vallée de Joux.“L’arte scuote dall’anima la polvere accumulata nella vita di tutti i giorni”. Come non dare ragione al grande Picasso! L’arte è un vero e proprio linguaggio, possiede la capacità di trasmettere emozioni e messaggi più di mille parole. Ma non esiste un unico linguaggio artistico e neppure un unico codice inequivocabile di interpretazione così come insegna la mia città: Firenze. Oggi vi porterò alla scoperta di alcuni luoghi particolari in una giornata di ottobre ancora carica di sole e tepore, ideale per indossare un look sportivo abbinato ad un segnatempo che richiama alla mente l’idea della semplicità e pulizia delle forme.

  • ora di alba e tramonto
  • durata di giorno e notte
  • durata di stagioni
  • durata di solstizi
  • durata di equinozi
  • durata dei segni zodiacali
  • indicatore del livello di maree
  • congiunzione Sole-Terra-Luna opposizione e quadratura
  • carta celeste trasparente dell’emisfero boreale con indicazione della Via Lattea dell’eclittica e dell’equatore celeste
  • ore e minuti del tempo siderale
  • tourbillon
  • indicazione della riserva di carica di 3 settimane (6 bariletti)
  • Due Tripli calendari e una reinterpretazione dell’Americane 1921 in un Petit Modèle in oro rosa che ritrova nesso ancor più autentico con l’epoca da cui proviene grazie al ridimensionamento della cassa coussin fino a 36,5 millimetri di diametro. Con il suo inconfondibile quadrante a lettura diagonale e la caratteristica corona decentrata, è splendido sul polso del gentiluomo come su quello femminile. I due Tripli calendari sono invece un estratto di virilità classica. Entrambi proposti con cassa rotonda da 40 millimetri e con carrure a tripla godronatura, il Triple Calendrier 1942 è ispirato alla referenza 4240 del 1942 appunto, che qui viene rinnovata in una declinazione informale con cassa in acciaio, lancetta per la data e doppia finestrella per giorno della settimana e mese; squisitamente elegante invece il Triple Calendrier 1948 ispirato alla referenza 4240L e prodotto in 200 esemplari, con cassa in oro rosa e anse ad artiglio, è dotato di triplo calendario e sontuosa complicazione astronomica al 6. Il disco della luna, rifinito a mano, come le funzioni del calendario, sono su sfondo bordeaux o blu. Meravigliosi, per i puristi dell’epoca, gli indici piramidali applicati in oro rosa sulla tavolozza opalina argenté con bordi satinati del quadrante. L’evoluzione micromeccanica si sublima nel nuovo movimento meccanico a carica manuale – calibri 4400QC-4400QCL – che garantisce 65 ore di riserva di marcia; realizzato nel solco dei calendari degli anni 40, ne magnifica le prestazioni. Tutti i movimenti Vacheron Constantin si fregiano del Punzone di Ginevra

Non male. Sarà difficile individuare tra le novità del Salone di Ginevra 2017 qualcosa che solamente si avvicini a quest’ultima prodezza del team Les Cabinotiers di Vacheron Constantin, per quanto il comunicato stampa – pur non riportandone il nome – parla di un solo orologiaio dietro a questo progetto così complicato. In seguito approfondiremo come le funzioni sono state meccanicamente interpretate.

retro Celestia Astronomical Grand Complication 3600Save

Il Celestia Astronomical Grand Complication 3600 è per ora prodotto in un’edizione limitata di un solo esemplare. Lo accompagna una lussuosa confezione decorata con preziosi intarsi di legno.

Essendo un pezzo unico ha alcun senso conoscere il suo prezzo.

Altre novità Vacheron Constantin SIHH 2017 sul sito ufficiale.

Aggiornamento

Ecco il video ufficiale del Celestia Astronomical Grand Complication 3600.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *