Movimento svizzero 9 Vacheron Constantin Geneve vintage con cronografo Replica 1: 1

26 Gennaio 2018

Nel 2015 Vacheron Constantin Geneve celebrerà il 260° anniversario della sua nascita e per festeggiare questa solenne data ha scelto di puntare sul cronografo.

Poco più di un mese fa la Maison ginevrina ha svelato la nuova collezione Harmony, una linea celebrativa e disponibile solo in edizione limitate che si ispira ai cronografi da polso vintage manufatti nel 1928.

Sino alla fine del mese di marzo Vacheron Constantin ospiterà nella sua storica residenza al no. 7 di Quai de l’Ile di Ginevra la mostra intitolata “Il Cronografo attraverso il Tempo” dedicata ai suoi orologi d’epoca con a bordo la complicazione che serve a misurare gli intervalli di tempo brevi. Se tra poco più di 2 settimane visiterai il salone di Basilea potrebbe essere una buona idea farci un salto all’andata o di ritorno.

Importante
Va precisato che si potrà visionare l’esposizione solo su appuntamento telefonando al numero +41 022 930 20 05 quindi, e soprattutto se non hai intenzione di muoverti, potrebbe interessarti leggere questo articolo che tratta di 9 cronografi tra i 60 selezionati per la mostra tematica su un totale di oltre i 13.000 orologi cui può contare la manifattura.

Premessa al cronografo

Il cronografo rimane e sarà sempre una complicazione irresistibile anche se bisogna ammettere che oramai da parecchi anni, almeno nella sua genuina veste meccanica, non viene più utilizzato come strumento.

Molti tuttavia sottovalutano le apparenti semplici misure che un cronografo effettua. Quale grande difficoltà dovette mai affrontare colui che lo inventò? Dove sta l’impresa nel costruire dei meccanismi che per molto tempo furono solo in grado di iniziare a misurare un evento si a comando, ma solo all’interno dei 60 secondi che costituiscono un minuto? E vogliamo mettere con tempi di latenza rispetto ai comandi impartiti che non sono certo quelli offerti dagli smistamenti della cronografia con ruota a colonna verticali di oggi?

Qui nel blog lo abbiamo più volte scritto: arrivare a dotare un segnatempo di una lancetta dei secondi, quella “semplice semplice” dei secondi continui, fu un’impresa di non facile soluzione. Quando dopo aver aggiunto quella dei minuti arrivò il momento di iniziare a prendersi cura dei “terzi” per parecchio tempo l’unico modo di misurare i secondi fu quello di fermarli per un istante come fanno ancora oggi gli affascinati secondi morti indipendenti.

APPROFONDIMENTI: Leggi una breve guida sul cronografo.

La storia dei cronografi Vacheron Constantin Geneve

Proprio per raffigurare questo importante passo verso il cronografo il primo esemplare della mostra è un orologio da tasca cui movimento vedeva vicino al treno del tempo convenzionale un meccanismo indipendente in grado di arrestare la lancetta dei secondi senza dover fermare la sua marcia.

Come era costume nel XIX secolo i primi cronografi Vacheron Constantin erano esemplari da taschino cui alcuni però non si facevano già mancare la funzione rattrappante. Essi spiccavano per le loro casse a bassiné, dal profilo rotondeggiante e senza angoli sporgenti, i quadranti – apparentemente semplici ma oggetto di profonde smaltature.

Moltissimi. Il primo nel 2005, quando abbiamo festeggiato il 250° anniversario di Vacheron Constantin. Abbiamo lavorato quattro anni, tutti insieme, per giungere alla preparazione dell’evento. È stata una sfida avvincente di grande successo. Tra i momenti più belli ricordo anche il 2006 che ha visto la nascita di un’edizione speciale della collezione Patrimony, un orologio dalle forme semplici e lineari, realizzato in platino, un materiale prezioso ed affascinante. In generale però, ogni giorno per me rappresenta un nuovo punto di partenza. Non ho mai considerato la mia professione solo come un lavoro, ma una sfida verso il futuro creando qualcosa di piacevole.Come direttore artistico di Vacheron Constantin, possiamo considerarla il custode del patrimonio della più antica Manifattura orologiera svizzera. Quanto è difficile condurre questo affascinate vascello, che racchiude tradizione e heritage antichi, lungo il mare della contemporaneità e delle sue evoluzioni?

Dal 1910 in avanti il cronografo finisce legato al polso. Il modello del 1928 dimostra di essere molto a suo agio in quella nuova posizione che a quei tempi, e ancora per un bel po’, era considerata la scelta solo di donne e militari. Questo cronografo monopulsante, con cassa di forma coussin, mostra sul bordo del quadrante una scala pulsometrica, lancette di forma a pera e numeri arabi in smalto nero.

Proseguendo a esplorare la storia dei cronografi made in Geneve attraverso la mostra, si osservano i cronografi dagli anni 1930 agli anni 1960 (modelli 4072, 4178 e 6087), con vari tipi di quadranti.

L’Alta Orologeria di una Maison si deve poter misurare anche osservando come sono realizzzate le parti non meccaniche: quadrante argenté, nero, champagne o rosa, cassa bicolore, indici in oro, numeri arabi, anse “cornes de vache” (ndr. “fancy lugs” in inglese, in italiano “anse fantasiose” o capricciose), lancette a gladio o a bastone: questo è un terreno dove la Maison di Quai de l’Ile si sente a suo agio.

A partire da quegli anni Vacheron Constantin Geneve inizia a presentare cronografi che indicano diverse scale di graduazione (scala di produzione, scala telemetrica, scala respirometrica, etc. vedi altri tipi navigando nel Glossario), per rispondere alle specifiche aspettative di industriali, ingegneri, medici e sportivi.

Spesso dotati di una scala tachimetrica per misurare la velocità di un elemento in movimento, sono a volte provvisti di scala telemetrica, strumento indispensabile per gli artiglieri, o ancora di uno sfigmomanometro, più̀ utile nelle diagnosi mediche. Altri esemplari completano la funzione del cronografo con quella della lancetta rattrappante per misurare gli eventi che iniziano contemporaneamente, ma di diversa durata, oppure i tempi intermedi.

La mostra, e con essa una parte importante della storia scritta in 260 anni dal marchio si conclude con una sezione dedicata agli orologi d’epoca con grandi complicazioni a bordo. Il cronografo convive alla grande con meccanismi di ripetizione minuti, calendario perpetuo, fasi lunari e tourbillon.

Andiamo adesso a scoprire i 9 pezzi nell’ordine suggerito dal percorso creato nella mostra dalla Maison.

1. Anno 1873 Orologio con secondi morti indipendenti ripetizione dei quarti

cronografo Vacheron Constantin Geneve 1873Save

Secondi morti indipendenti ripetizione dei quarti

Oro giallo 18K e niello, quadrante in smalto bianco con numeri romani e minuteria esterna Arresto della lancetta dei secondi mediante un cursore sulla carrure
Calibro RA 19” secondi indipendenti, ripetizione dei quarti

2. 1877 Cronografo da tasca

cronografo Vacheron Constantin Geneve 1877Save

Cronografo da tasca

Oro rosso 18 K con stemma smaltato, quadrante in smalto con numero romani, piccoli secondi a ore 6 e minuteria esterna
Funzioni del cronografo mediante la corona
Calibro RA 19” N II cronografo

3. 1916 Cronografo da polso con contatore monopulsante

cronografo Vacheron Constantin Geneve 1916Save

cronografo da polso con contatore monopulsante

Oro giallo 18K, quadrante in smalto con numeri arabi, contatore dei 30 minuti a ore 3, piccoli secondi a ore 9 e minuteria esterna.
Calibro RA 15” cronografo

4. 1928 Cronografo con contatore monopulsante

cronografo Vacheron Constantin Geneve 1928Save

Cronografo con contatore monopulsante – cassa coussin

Oro giallo 18K, quadrante argenté con numeri arabi, contatore dei 30 minuti a ore 3, piccoli secondi a ore 9, minuteria esterna e scala pulsometrica
Calibro RA 13” cronografo

5. 1954 Cronografo con contatore modello 6087

cronografo Vacheron Constantin Geneve 1954Save

Cronografo con contatore 6087

Oro giallo 18K, anse a cornes de vache, impermeabile
Quadrante argenté con numeri romani e indici a bastone, contatore dei 30 minuti a ore 3, piccoli secondi a ore 9, minuteria esterna e scala tachimetrica
Calibro 13”-492

6. 1905 Cronografo con contatore e cronometro

cronografo Vacheron Constantin Geneve 1905Save

Cronografo con contatore e cronometro

Oro giallo 18K, quadrante in smalto con numeri arabi, contatore dei 30 minuti a ore 12, piccoli
secondi a ore 6, minuteria esterna e scala tachimetrica su cinque giri Pulsante del cronografo integrato nella corona
Calibro RA 19” cronografo

7. 1889 Cronografo rattrappante

cronografo Vacheron Constantin Geneve 1889Save

Cronografo rattrappante da tasca

Argento e oro rosso, pittura miniata in smalto sul fondo
Quadrante in smalto con numeri romani, piccoli secondi a ore 6 e minuteria esterna
Pulsante del cronografo integrato nella corona e pulsante della lancetta rattrappante sulla carrure Calibro RA 20” I cronografo rattrappante

8. 1900 Cronografo con contatore e ripetizione minuti

cronografo Vacheron Constantin Geneve 1900Save

Cronografo con contatore e ripetizione minuti

Oro giallo 18K, quadrante in smalto con numeri romani, contatore dei 30 minuti a ore 12, piccoli secondi a ore 6 e minuteria esterna
Pulsante del cronografo sulla carrure
Orologio appartenuto a Napoleone III
Calibro RA 18”/19 cronografo, ripetizione minuti

9. 1931 Cronografo con contatore rattrappante calendario perpetuo riserva di carica tourbillon

cronografo complicato Vacheron Constantin Geneve 1930Save

Cronografo complicato

Oro giallo 18K, quadrante in smalto con numeri arabi, contatore dei 30 minuti, riserva di carica e anni a ore 12, data a ore 3, piccoli secondi, mese, fasi ed età̀ della luna a ore 6, giorno della settimana a ore 9, minuteria esterna
Pulsante del cronografo integrato nella corona e pulsante della lancetta rattrappante sulla carrure Calibro RA 22”/23 cronografo rattrappante, calendario perpetuo, tourbillon
(Collezione privata)

-o-

Finisce qui questo tuffo in forse “l’angolo più complicato che il Lago di Ginevra possa offrire”.
Il 2015 è appena iniziato e quest’anno visti i festeggiamenti di un quarto di secolo di attività la manifattura di Geneve promette di farci vedere ancora molto in termini di novità, complicazioni e naturalmente cronografi.

Andrai a visitare la mostra? In caso affermativo dopo torna qui e lascia un feedback.

Puoi visionare altri cronografi Vacheron Constantin navigando nel catalogo.

contaminuti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *