Trusty Replica Blancpain Presenta il Nuovo Bathyscaphe Chronographe Flyback Blancpain Ocean Commitment II Replica nel Regno Unito

28 febbraio 2018

orologio Fifty Fathoms Bathyscaphe Chronographe Flyback Blancpain Diver Replica Ocean Commitment IISave

Il Fifty Fathoms Bathyscaphe Chronographe Flyback Blancpain Villeret Opinioni Replica Ocean Commitment II (BOC II) è il secondo orologio creato per sostenere gli oceani. Per la prima volta questo modello propone una cassa di ceramica completamente blu. Per ogni segnatempo venduto di questa serie limitata a 250 esemplari verrà devoluta una somma di 1.000 euro per sostenere spedizioni scientifiche. I 250.000 euro così raccolti si aggiungeranno ai contributi di Blancpain in favore della salvaguardia degli oceani.

  • Blancpain Ocean Commitment Chronographe Bathyscaphe Flyback

Com’è fatta la cassa in ceramica blu

Ultima prodezza del reparto Ricerca & Sviluppo della Maison, il nuovo Blancpain Ocean Commitment II presenta la cassa di ceramica high-tech del suo nuovo Fifty Fathoms completamente blu.

La colorazione viene ottenuta grazie all’aggiunta di pigmenti durante la preparazione della ceramica, il tutto mescolato con un aggregante. In seguito, per ottenere questo colore uniforme e resistente sull’intera cassa, sono state impiegate due tecniche specifiche. La prima, la pressatura, prevede che la ceramica sotto forma di polvere sia pressata in uno stampo per ottenere la sua forma. La seconda, l’iniezione, richiede che la ceramica in granuli sia iniettata in uno stampo.

fronte Fifty Fathoms Bathyscaphe Chronographe Flyback Blancpain Ocean Commitment IISave

Questa operazione permette di ottenere una ébauche, un pezzo grezzo di forma definitiva. In seguito il pezzo ottenuto passa in un forno a bassa temperatura per eliminare il legante. Poi è la volta della cosiddetta sinterizzazione, con la quale il pezzo viene sottoposto a un’alta temperatura per conferire alla ceramica l’elevatissima durezza finale. Infine si passa alle operazioni di lavorazione e rifinitura per dare a ciascun componente la forma e l’aspetto definitivi.

La pressatura viene impiegata per il telaio, il fondello, la lunetta e gli inserti. Il secondo metodo, per iniezione, viene impiegato per la corona e i pulsanti. L’iniezione è particolarmente adatta per piccoli componenti, è molto precisa ma complessa da gestire. Fino ad oggi non aveva dato risultati convincenti e sufficientemente stabili per la gamma dei colori blu. Inoltre non era possibile finora ottenere una tinta identica per le due diverse tcniche. Dopo anni e anni di prove Blancpain è riuscita a unire la padronanza tecnica dell’iniezione con le sfumature blu desiderate. Solo così la cassa dell’orologio assume la sua caratteristica sfumatura blu, intensa e misteriosa a un tempo, che richiama le sfide negli oceani così care alla Maison di Alta Orologeria Blancpain.

Nuovo Bathyscaphe Chronographe Flyback Blancpain Ocean Commitment II

Nel caso di Blancpain l’accostamento di termini come tradizione e innovazione non costituisce un’antinomia: i due concetti sono al centro della filosofia della Manifattura, che non conosce la catena di montaggio. Come già accadeva in passato, tutti i componenti del movimento sono rifiniti e decorati a mano nel rispetto della tradizione orologiera. Senza mai rinunciare alla sua storia, saldamente radicata nella Vallée de Joux, Blancpain propone una versione attuale dei design, delle complicazioni e dei metodi produttivi del secolo scorso. Decisa a perfezionarli e ad aprire nuovi orizzonti, la Manifattura nutre da sempre l’ambizione di portare l’arte dell’orologeria anche là dove non è ancora mai arrivata.Dal 1735, e con l’apertura di una fabbrica a Villeret (Giura svizzero) voluta da Jehan-Jacques Blancpain, l’inventiva e la ricerca della perfezione hanno spinto i mastri orologiai del marchio a realizzare delle creazioni di tale pregio e ingegnosità che hanno segnato la storia dell’orologeria. 275 anni di ricerca e di sviluppo confermano la filosofia Blancpain, basata sul profondo rispetto dell’Alta Orologeria.Blancpain si è stabilita a metà degli anni ‘80 in un villaggio della Vallée de Joux, Le Brassus. Gli artigiani orologiai della Manifattura Blancpain riesumano da quel momento i segreti dell’antica arte orologiera Blancpain. Sebbene essi siano i custodi della cultura e dell’eredità svizzere, non guardano al passato; il loro interesse, volto al futuro dell’orologeria meccanica, li porta a diventare dei veri assi della miniaturizzazione dei movimenti meccanici, eseguendo prodezze d’ingegnosità e innovazione nonché di bellezza.

Il Bathyscaphe Chronographe Flyback BOC II monta il Calibro F385, che Blancpain ha presentato a partire dal 2006 con a bordo un bilanciere a inerzia variabile provvisto di una vite d’oro.

La regolazione di precisione effettuata con l’aiuto di una vite d’oro assicura una regolazione più fine rispetto a una consueta racchetta.

Batte a 36.000 alternanze/ora (5 Hz), frequenza che permette di dividere ogni secondo in intervalli ciascuno di un decimo di secondo. Il cronografo flyback è azionato da una ruota a colonne.

Altra finezza la presenza di un innesto verticale che permette un’attivazione istantanea e precisa delle funzioni cronografiche e evita qualsiasi salto della lancetta al momento dell’inserimento del cronografo.

Questa soluzione permette anche di evitare un effetto negativo sulla precisione di marcia dell’orologio quando si attiva la misurazione degli intervalli brevi. Come tutti i movimenti di manifattura Blancpain No Radiation Replica anche l’F385 è dotato di spirale in silicio.

retro Fifty Fathoms Bathyscaphe Chronographe Flyback Blancpain Ocean Commitment IISave

Com’è normale per un orologio della famiglia Fifty Fathoms possiede tutte le caratteristiche tecniche di un orologio subacqueo.

Impermeabile fino a 300 metri, ha la lunetta unidirezionale con inserti grigi e indici in liquidmetal.

La funzione flyback di cui dispone permette l’azzeramento e una nuova partenza istantanea del cronografo mediante un’unica pressione del pulsante a ore 4.

Prodotto in 250 esemplari il nuovo Bathyscaphe Chronographe Flyback Blancpain Ocean Commitment II si distingue, come si vede nella foto in alto, anche per la sua massa oscillante, sulla quale è incisa la scritta «Ocean Commitment» che sottolinea lo stretto rapporto tra questo cronografo e l’impegno di Blancpain per l’esplorazione e la tutela degli oceani. Il fondello di zaffiro permette di osservare le originali forme dei ponti del movimento.

Entrare a far parte del “Ocean Commitment”

Ogni acquirente di un orologio prodotto in edizione limitata BOC diventa automaticamente un membro sostenitore dell’«Ocean Commitment».

L’orologio ha un prezzo di 19.080 Euro, e da questa somma per ciascun pezzo Blancpain devolverà 1.000 Euro per sostenere tutte le spedizioni scientifiche che hanno come scopo la salvaguardia degli oceani. Il cliente riceverà un certificato che attesta l’avvenuta donazione.

Inoltre i membri godono di opportunità speciali, come gli incontri con i partner di Blancpain, l’accesso in esclusiva a informazioni pubblicate sul sito internet «Ocean Commitment» – nello spazio riservato ai membri del circolo, inviti privati a conferenze dedicate a spedizioni scientifiche e alle proiezioni in anteprima di film documentari.

Insieme all’invito ad aderire al circolo, ogni acquirente del Fifty Fathoms Chronographe Flyback edizione Blancpain 92322 Replica Ocean Commitment II riceve in esclusiva un esemplare della nuova opera Hans Hass, Awakening to a New World*, il cui numero di stampa corrisponderà al numero di serie dell’orologio.

Hans Hass è considerato dai suoi colleghi e dagli storici dell’immersione «il pioniere dei pionieri». Questo biologo, etnologo e cineasta austriaco ha iniziato a esplorare i fondali marini alla fine degli anni 1930, quando non esisteva ancora nessuno strumento appropriato. Precursore dell’immersione subacquea autonoma, ha stabilito numerosi record.

Oltre a essere stato il primo a creare dei veri laboratori di studio su navi da spedizione, è stato anche l’inventore della Rolleimarin, una custodia impermeabile professionale per la macchina fotografica Rolleiflex che ha permesso di portare in superficie le immagini delle sue esplorazioni. I suoi scatti fecero clamore tra un pubblico che ha scoperto in tal modo l’universo delle profondità.

Oggi questo libro, realizzato in collaborazione con lo Hans Hass Institute, mette in luce un manoscritto redatto negli anni 1960 e che non era mai stato pubblicato in versione integrale.

Questo testo pone l’accento sugli eventi degli anni tra il 1940 e il 1960, ripercorre le sfide delle sue prime spedizioni e offre uno spaccato affascinante del contesto storico in cui Blancpain presentò il primo orologio subacqueo moderno: il Fifty Fathoms.

Continuate a scoprire il progetto “Ocean Commitment” su http://www.blancpain-ocean-commitment.com